Fonte: articolo tradotto automaticamente da automobile-propre.com/

La Citroën Ami vorrebbe essere l’auto elettrica più popolare. Ma probabilmente sarà difficile: vittima del suo successo, la city car sta subendo sfortunati ritardi nelle consegne: il motivo potrebbe non essere quello che pensiamo.

Con la Citroën Ami, il marchio chevron ha voluto ripetere il trucco dei veri Friends of the 70s. Anche la 2CV, mettendo sul mercato un’auto con la giusta quantità di equipaggiamento per offrirsi al maggior numero possibile di persone. Una scommessa rischiosa contro i suoi illustri predecessori, ma la Citroën Ami sarebbe ora altrettanto vittima del suo successo.

Con le sue caratteristiche specifiche, il prezzo di vendita controllato e i canali di vendita nuovi per il costruttore, la city car è relativamente popolare, come dimostrano le oltre 2.400 unità già registrate dal marchio. Tuttavia, Citroën fa fatica a rispettare i termini di consegna, spingendo gli acquirenti ad alzare la voce.

E a ragione: molti clienti che hanno ordinato la Citroën Ami nei primi giorni del suo lancio non hanno avuto notizie della loro vettura. Anche se i documenti di immatricolazione dei veicoli sono arrivati per posta in tempo, l’Ami fa fatica a mostrare la fine del suo muso e alcuni modelli, la cui consegna era inizialmente prevista per agosto, ad esempio, non sono ancora stati consegnati al momento. Sentendosi trascurati e privi di informazioni, i clienti hanno iniziato ad alzare la voce sui social network. In particolare Sabine, co-creatrice della pagina Facebook Citroën Friend: problemi di consegna e altri, che non ha più sentito il suo chip della città dal 6 ottobre, il giorno dopo la data di consegna iniziale.

Il Covid, l’origine di tutti i mali…

Contattato dai nostri colleghi di Argus o di Automobile Magazine, il marchio con le Chevron ha indicato che questi ritardi di consegna, che possono essere fino a 10 settimane di ritardo a seconda dei clienti, sono dovuti alla situazione sanitaria globale, ma anche a Kenitra, la città dove viene prodotto il veicolo, che è uno dei comuni più colpiti in Marocco. I vari periodi di contenimento porterebbero ad un drastico rallentamento della produzione dello stabilimento PSA, che ha una capacità produttiva annua di 200.000 veicoli (di cui 18.000 per l’Ami). Anche i vari fornitori generalisti, con capacità produttive in grado di coprire il volume di Ami, sarebbero colpiti dagli stessi problemi di salute. A causa dell’effetto palla di neve, i tempi di consegna sarebbero quindi drasticamente allungati.

Nel complesso, queste spiegazioni sono legittime e perfettamente comprensibili, anche se non sono state comunicate ai clienti che sono rimasti in uno stato di incertezza. Da allora, Citroën dice che tutto dovrebbe tornare presto alla normalità da quando il problema è stato risolto.

Quali sono i problemi?

Qual è il problema? Una liberazione della situazione, mentre la situazione sanitaria in Marocco sta prendendo una piega disastrosa. Una situazione paradossale per un’unità produttiva situata in una delle famiglie attive del Paese. Poiché il problema di salute non è stato risolto, non è stato più necessario vedere emergere una parvenza di risposta.

Secondo alcuni osservatori e alcuni clienti che hanno già consegnato, la Citroën Ami non sarebbe esente da alcuni problemi. Tra questi vi sono serrature difettose, porte che non si chiudono più a causa dell’accumulo di sporcizia, sbrinamento casuale o alcune perdite dovute alla pioggia. C’è anche un problema con il freno a mano, un cattivo collegamento del cablaggio e la necessità di sostituire il sistema di frenatura posteriore a tamburo. Ancora più problematico, alcuni clienti hanno riscontrato anomalie con il caricabatterie di bordo dopo poche centinaia di chilometri sul contachilometri.

O numerosi difetti giovanili, la maggior parte dei quali sono già soggetti a richiamo da parte del produttore. Il caricabatterie di bordo difettoso sarebbe stato addirittura sostituito da uno di un altro fornitore, come ha sottolineato uno dei nostri lettori, che non è stato senza difficoltà colpito da questi problemi tecnici.

In tutti questi casi, la gestione della Citroën Ami è stata particolarmente complessa. Il motivo: una rete nascente con solo una manciata di centri autorizzati ad effettuare riparazioni elettriche senza licenza. Di conseguenza, altre auto sono state confinate nelle officine Citroën per molte settimane a causa della difficoltà che il marchio incontra nell’ottenere pezzi di ricambio di ogni tipo.

Di fronte a queste numerose complicazioni, sembra che Citroën abbia deciso di apportare alcune correzioni prima della consegna dell’Ami. Questo, oltre alla situazione sanitaria, spiegherebbe in parte le ragioni del ritardo nell’accensione per il lancio dell’auto elettrica, per non affrontare una situazione che potrebbe essere fuori controllo per il servizio post-vendita.

L’impotenza del porto di Le Havre

Ma queste teorie che ruotano intorno alla produzione in Kenitra sono sbagliate. La prova di ciò è la carta di circolazione dell’auto indirizzata ai clienti in attesa. Un documento il cui numero di telaio indica che l’auto è stata effettivamente prodotta e la cui data di prima immatricolazione tradisce, come nella stragrande maggioranza dei casi, la presenza dell’auto in Francia. E la risposta va cercata nel porto di Le Havre, nel parcheggio di GEFCO.

Secondo un utente di Internet visibilmente ben informato che ha parlato di social network, la società di trasporti (creata nel 1949 da PSA e attualmente posseduta al 25% dal gruppo francese) gestisce l’intera catena logistica, dal trasporto delle auto da Tangeri in Marocco alla loro distribuzione, compresa la preparazione una volta arrivati in Francia. Secondo la stessa fonte, GEFCO è incaricata di effettuare diverse operazioni sulle vetture Citroën Ami prima della loro distribuzione in Francia, tra cui il montaggio degli accessori, la ricarica della batteria, la diagnostica elettronica, il montaggio delle targhe, l’omologazione e la preparazione estetica e meccanica. Ma l’azienda si occuperà anche di correggere eventuali difetti riscontrati nella city car prima della consegna.

Secondo l’utente di Internet, i team della società si occuperebbero di tutte queste operazioni. Tuttavia, si dice che GEFCO abbia ridotto la sua forza lavoro collocando molti dipendenti a orario ridotto, senza anticipare l’arrivo massiccio di Citroën Ami dal Marocco. Più sorprendentemente, questa società avrebbe realizzato piani interni, sotto la copertura di Covid (ancora una volta!) per approfittare degli aiuti governativi, mentre le linee di assemblaggio dei produttori funzionavano a pieno ritmo, come indicato in un articolo del Syndicat National des Activités du Transport et du Transit!

Allo stesso tempo, la società di trasporti è stata vittima di un attacco informatico alla fine di settembre, come confermato da Citroën, che ha portato a un netto calo di attività per più di una settimana. Oltre a questo, sembra che GEFCO, come tutte le società di logistica che operano nel porto, stia operando al ritmo imposto dalla configurazione del porto francese da un lato, ma anche e soprattutto al ritmo della CGT locale, come sottolinea Capital nel suo articolo pubblicato lo scorso settembre, i cui giorni di sciopero non avrebbero migliorato la situazione.

Tutti questi elementi avrebbero un legame causale con l’Amico? Da noi contattata, GEFCO Le Havre – Marais non ha voluto esprimersi su questi vari argomenti, che potrebbero, secondo i primi elementi fattuali, nascondere risposte preziose per i clienti in attesa. Tuttavia, si dice che lo spedizioniere abbia mobilitato le sue squadre dall’inizio del mese per accelerare il ritmo e far uscire le auto dal porto. Questo spiegherebbe poi l’aumento del personale sulle piattaforme Citroën, che attualmente sta contattando i clienti per informarli di una data di consegna, come ci ha confermato Citroën.

La fine di questo calvario?

Questo risultato segna la fine di un calvario per la stragrande maggioranza dei clienti che, come Sabine, sarebbero stati danneggiati da questo ritardo nelle consegne. Infatti, presentandosi come oggetto di mobilità senza patente, la Citroën Ami è riuscita a conquistare una manciata di persone che non hanno la carta rosa e che vogliono un’auto semplice ed economica per i loro spostamenti quotidiani. Di conseguenza, hanno dovuto tornare alle loro vecchie abitudini per poter utilizzare i trasporti pubblici, soprattutto in una Francia riconfermata.

Oltre al suo successo, la Citroën Ami è vittima di un triste effetto domino che ha colpito soprattutto la parte logistica. La crisi sanitaria è quindi la punta dell’iceberg per i clienti in attesa. Ma mentre le cose stanno tornando alla normalità e nonostante le promesse di Citroën, c’è ancora chi non ottiene quello che vuole.

Riuniti attorno a un gruppo di Facebook, gli acquirenti scoprono che l’arrivo degli Amici non è necessariamente nell’ordine cronologico degli ordini. Inoltre, i futuri proprietari che hanno optato per un contratto My Ami Care (da 10,80 euro per 1 anno a 594 euro per 5 anni) non hanno ancora avuto risposte su un eventuale risarcimento. Come dice Sabine, l’assicurazione è in vigore dalla prima data di immatricolazione sul documento di immatricolazione del veicolo. Oppure, nel suo caso, il 6 ottobre 2020 (il giorno dopo la data di consegna iniziale), anche se l’auto non è stata ancora consegnata.

Sono tutti pregiudizi che l’offerta Citroën di 100 euro in buoni sconto nel negozio Lifestyle per i clienti che hanno ricevuto un documento di immatricolazione del veicolo senza data di consegna non potrà compensare. Né riesce a scusare l’assordante silenzio del marchio sulle ragioni del ritardo durante le innumerevoli chiamate di clienti preoccupati.

Alla fine, Citroën Ami è riuscita a evocare la 2CV nella mente dei nostalgici dove non era prevista: con ordini che superavano le capacità del costruttore in un contesto difficile (Citroën si trovava ad affrontare una carenza di acciaio all’indomani della seconda guerra mondiale). All’epoca, i tempi di consegna della popolare deudeuche potevano raggiungere i cinque anni!

Fonte: articolo tradotto automaticamente da automobile-propre.com/

Rispondi